Camera degli Sposi, Palazzo Ducale Mantua

Camera degli Sposi, Palazzo Ducale Mantua


Frescos de la cámara Degli Sposi (1465-74)

Artista: Andrea Mantegna (hacia 1431-1506)
Medio: Pintura al fresco
Género: Retratos renacentistas
Movimiento: Arte renacentista
Localización: Palazzo Ducale, Mantua.


El Tribunal de Gonzaga
Este fresco es otro
maravilloso trabajo del
Renacimiento italiano.

Apreciación artística
Vea nuestros ensayos educativos:
Evaluación de arte y también:
Cómo apreciar las pinturas.


Camera degli Sposi, Palazzo Ducale Mantua - Historia

Tras sus éxitos en Padua y Verona, Mantegna fue nombrado artista de la corte por Ludovico Gonzaga, duque de Mantua, un pequeño estado independiente ubicado en el norte de Italia. El puesto de Mantegna incluía la planificación de festivales, el diseño de vestuario y la preparación de modelos para esculturas temporales, pero principalmente estaba ocupado con la pintura. La empresa más exitosa de Mantegna en Mantua, donde mantuvo su residencia durante medio siglo, fue la Camera degli Sposi (habitación de los novios), también conocida como camera picta (la habitación pintada) en la torre norte del Castel San Giorgio. Las paredes contienen representaciones contemporáneas de la familia Gonzaga. La sala de planta cuadrada (8,1 x 8,1 m) ocupó al artista desde 1465 hasta 1474, mucho tiempo para una decoración al fresco. El trabajo avanzó lentamente debido a las interrupciones conocidas y la complejidad del programa, así como el grado de detalle requerido.

El diseño general y varios detalles del techo permiten una evaluación de la precocidad de Mantegna en la creación de la decoración de la habitación, que abrió el camino para la pintura ilusionista de Pinturicchio, Rafael, el techo Sixtina de Miguel Ángel y más allá hasta la cuadratura posterior del siglo XVI (perspectiva pintura arquitectónica de paredes y techos). Solo dos de los muros tienen narraciones figurativas: el muro norte con una escena que suele denominarse el Patio y el muro oeste, dividido en tres escenas, Servidores con Caballo y Perros, La Inscripción con Putti y El Encuentro. Las dos paredes restantes están pintadas con cortinas de imitación de cuero que invaden los otros lados también para crear la ficción de que había cortinas antes de las cuatro paredes y en dos lados se habían abierto para revelar los eventos representados.


Palazzo Ducale Mantua

los gran palacio de la familia Gonzaga, el Palacio Ducal es en realidad un Extenso conjunto de edificios de 34.000 m 2 eso fue construida entre los siglos XIV al XVII. Situado en la parte norte del centro de la ciudad, se enfrenta al canal artificial que rodea la ciudad y que también ofrece protección contra los invasores. Se puede dividir aproximadamente en dos partes diferentes en términos de edad y estructura: el Corte Vecchia y Castillo de San Jorge.

Corte Vecchia

los parte principal del Palacio, La fachada de ladrillo de Corte Vecchia actúa como telón de fondo de la gran Piazza Sordello, que marca la entrada y la taquilla del Palacio Ducal. Corte Vecchia se compone a su vez de Palazzo del Captiano (Palacio del Capitán), la parte más antigua del distrito del castillo construida por la familia gobernante Buonacolsi en el siglo XIII y el Magna Domus (Casa grande) que fue construida en el siglo XIV.

Desafortunadamente está en un estado menos bien conservado que el Palazzo Te, ser abandonado tras la extinción de la dinastía Gonzaga en el siglo XVIII. Por lo tanto, muchos de los frescos y pinturas de las paredes de las habitaciones se han desvanecido y aún no se han restaurado. Esto no significa que no haya hermosas habitaciones para admirar:

Salón de los Ríos

Con un vista abierta al patio interior, el Salón de los Ríos fue construido a finales del siglo XVI como lugar para banquetes. Originalmente era una logia abierta, pero fue redecorada en el siglo XVIII con las decoraciones pintadas actuales y la estructura de imitación de calado.

El patio interior al que se enfrenta el Salón de los Ríos

La Cámara del Zodíaco

No es difícil adivinar que el tema de la habitación es la astrología. Pintada en el siglo XVI, toda la bóveda representa ese vasto espacio celestial con la constelación contra el cielo azul oscuro.

El Salón de los Espejos

Consejo de dioses

Carro del sol

A hermoso salón amarillo beige forrado con espejos, la Galería de los Espejos recibe su nombre de las decoraciones neoclásicas que se agregan en el siglo XVIII. los Tres frescos del techo del carro del sol, el consejo de dios y el carro de la noche. supuestamente son del alumno del pintor Guido Reni. Es una de mis salas favoritas en todo el palacio y no es difícil imaginar grandes bailes o banquetes en el interior.

Castillo de San Jorge

Entrada del puente levadizo al castillo

Construido a finales del siglo XIV., el castillo fue construido con un propósito militar en mente, por lo tanto, no solo tiene cuatro torres de esquina, planta cuadrada, sino también un foso con solo una entrada del puente levadizo. La mayor parte del castillo no está abierto para los visitantes y, en realidad, solo hay una atracción que ver: el Camera degli Sposi.

Entrada de la caja de la escalera hacia arriba

Cámara degli Sposi

También llamado Cámara pintada o Cámara nupcial, el fresco de Andrea Mantegna en 1465 a 1475 ies una vista famosa.

Pero quizás el más conocido de todos es el cuadro del techo, del Partenón en Roma. El icónico agujero circular no solo representa los detalles magníficamente, las adiciones de ángeles que se asoman desde el cielo también lo hicieron aún más impresionante.

Partenón peek-a-boo

Horarios de apertura: martes - dom 8:15 - 19:15 (última entrada 18:20)

Precio de la entrada: Para todo el Palacio Ducal 12,00 euros, reducido (18-25 UE) 7,50 euros

Solo para Corte Vecchia: 6,50, reducido 3,25 euros

  • ¡Señalame!

Contenido

Las áreas más antiguas del palacio consisten en el Palazzo del Capitano , construido a principios del siglo XIV por Guido Buonacolsi, cuya familia gobernó Mantua desde 1271 hasta 1328, y el Magna Domus . A finales de este siglo, Bartolino da Novara, uno de los arquitectos militares más famosos de la época, añadió la Castello di San Giorgio .

los Domus Nova fue completado un siglo después por Luca Fancelli. También es responsable de la Corte Nuova (Patio Nuevo), que contiene las salas ducales con los famosos ciclos de frescos de Giulio Romano.

La Iglesia de santa Bárbara , Capilla Palatina (Basílica Palatina) de los Gonzaga, fue diseñada por Giovan Battista Bertani. En los siglos XVI y XVII, la arquitecta y pintora Maria Viani añadió los apartamentos de Vincenzo I y el llamado Sala de las Metamorfosis y el Loggia di Eleonora .

El 24 de febrero de 1607, la ópera de Monteverdi L'Orfeo fue estrenada en el palacio ducal. Se desconoce la ubicación exacta de la actuación dentro del complejo del palacio.

Los Gonzaga habitaron el palacio desde 1328 hasta 1707 cuando la dinastía se extinguió. Luego, los edificios experimentaron un rápido declive, un proceso que solo pudo revertirse en el siglo XX a través de la restauración y su nuevo propósito como museo.


Camera degli Sposi, Palazzo Ducale Mantua - Historia

Affrescchi nel Palazzo Ducale de Mantegna en Mantua, camera degli Sposi (1465-1474),
L & rsquoincontro, particolare con i ritratti dell & rsquoimperatore Federico III d & rsquoAsburgo e del re di Danimarca Cristiano I

La Camera degli Sposi, chiamata nelle cronache antiche Camera picta (& quotcamera dipinta & quot), & egrave una stanza colocada nel torrione nord-est del Castello di San Giorgio di Mantova. & Egrave celebre per il ciclo di affreschi che ricopre le sue pareti, capolavoro di Andrea Mantegna, realizzato tra il 1465 e il 1474. Mantegna studi & ograve una decorazione ad affresco che investisse tutte le pareti e le volte del soffitto, adeguandosi ai limiti architettonici dell'ambiente , ma al tempo stesso sfondando illusionisticamente le pareti con la pittura, come se lo spazio fosse dilatato ben oltre i limiti fisici della stanza. Il tema generale & egrave una celebrazione politico-dinastica dell'intera famiglia Gonzaga, con l'occasione dell'elezione a cardinale di Francesco Gonzaga. [0]
La decorazione della stanza venne Commissionata da Ludovico Gonzaga a Mantegna, pittore di corte dal 1460. La sala aveva originariamente una duplice funzione: quella di sala delle udienze (dove il marchese trattava affari pubblici) e quella di camera da letto di rappresentanza, dove Ludovico si riuniva coi familiari [1].

L'occasione della Commissione & egrave tutt'altro che chiarita dagli studiosi, registrando varie discordanze. L'interpretazione tradizionale lega gli affreschi all'elezione al soglio cardinalizio del figlio del marchese Ludovico, Francesco Gonzaga, avvenuta il 1 gennaio 1462: la scena della Corte rappresenterebbe quindi il marchese che ne riceve la notiziabe e quella e figrel'Incontro che si trovano nel felice evento. La figura matura e corpulenta di Francesco tuttavia non & egrave coerente con la sua et & agrave nel 1461, di circa 17 anni, testimoniata invece da un suo presunto ritratto conservato oggi a Napoli. Si & egrave pensato quindi che gli affreschi celebrino la venuta di Sua Eminenza a Mantova nell'agosto 1472, quando si apprest & ograve a ricevere il titolo di Sant'Andrea [2].

La sequenza cronologica delle pitture & egrave stata chiarita dal restauro del 1984-1987: il pittore inizi & ograve dalla volta con limitate campiture a secco, che riguardano soprattutto parti dell '& quotoculo & quot e della ghirlanda che lo circonda si pass & ograve polai alla dove usa una misteriosa tempera grassa, stesa a secco procedendo per & quotpontate & quot seguirono le pareti est e sud, coperte dai tendaggi dipinti, dove venne usata la tecnica tradizionale dell'affresco infine fu dipinta la parete ovest dell'Incontro, pure trattata ad affresco e condotta a molto piccole, che testimoniano una lentezza operativa che confermerebbe la durata cuasi decennale dell'impresa, indipendentemente da altri compiti che il maestro dovette assolvere [3].

Dopo la morte di Ludovico, la stanza e il suo ciclo subirono una serie di traversie, che spesso ne degradarono, oltre che la conservazione fisica, anche il ruolo nella storia dell'arte. Pochi anni dopo la morte del marchese la camera risulta adibita a deposito di oggetti preziosi: forse per questa ragione a Vasari non fu permesso di visitarla, escludendola dal resoconto delle Vite. Durante l'occupazione imperiale del 1630 sub & igrave numerosi danni, per poi essere praticamente abbandonata alle intemperie fino al 1875 circa [4]. Non & egrave chiaro da quando la stanza inizi & ograve ad essere chiamata & quotCamera degli Sposi & quot. In ogni caso il riferimento era dovuto alla presenza in posizione predominante di Ludovico raffigurato accanto alla moglie, non tanto perch & eacute si trattasse di una camera nuziale.

La tecnica usata, che prevedeva in alcuni episodi parti a secco pi & ugrave o meno ampie, non facilva la conservazione e si hanno notizie vaghe di restauri prima del XIX secolo. Quelli successivi, fino a quello del 1941, furono numerosi ed inadeguati [5]. Finalmente en 1987 si procedette a un restauro capillare con tecniche moderne, che ha recuperato tutto quanto sopravvissuto, restituendo l'opera agli studi e alla fruizione pubblica.

Andrea Mantegna, Cámara degli Sposi, Palazzo Ducale, Camera degli Sposi (Cámara nupcial), Mantua


Giulio Carlo Argan evidenzia come la pittura mantegnesca qui, come in altre opere, si caratterizzi per la sua evocazione di immagini dell'antichit & agrave classica. Mantegna & egrave il primo grande & quotclassicista & quot della pittura. La sua arte pu & ograve essere definita un & quotclassicismo archeologico & quot. [6]

Andrea Mantegna, El marqués Ludovico saluda a su hijo, el cardenal Francesco Gonzaga, Palazzo Ducale, Camera degli Sposi (Cámara nupcial), Mantua

Nella stanza pressoch & eacute cubica (8,05 m circa di lato, con due finestre, due porte e un camino), Mantegna studi & ograve una decorazione che investiva tutte le pareti e le volte del soffitto, adeguandosi ai limiti architettonici dell'ambiente, ma al tempo stesso sfondando illusionisticamente le pareti con la pittura, come se ci si trovasse al centro di un loggiato o di un padiglione aperto verso l'esterno [7].

Motivo di raccordo tra le scene sulle pareti & egrave il finto zoccolo marmoreo che gira tutt'intorno nella fascia inferiore, sul quale poggiano i pilastri che suddividono le scene in tre aperture. La volta & egrave affrescata suggerendo una forma sferoidale e presenta centralmente un oculo, da cui si sporgono personaggi e animali stagliati sul cielo azzurro. Attorno all'oculo alcuni costoloni dipinti dividono lo spazio en losanghe e pennacchi. Costoloni vanno a terminare in finti capitelli, a loro volta poggianti sui reali peducci delle volte, gli unici elementi a rilievo di tutta la decorazione, assieme alle cornici delle porte e al camino. Ciascun peduccio (esclusi solo quelli en angolo) appoggia in corrispondenza di uno dei pilastri dipinti [8].

Il registro superiore delle pareti & egrave ocupato da dodici lunette, decorate da festoni e imprese dei Gonzaga. Alla base delle lunette, tra peduccio e peduccio, corrono figuratamente le aste che fanno da cursore ai tendaggi, che sono raffigurati come scostati per permettere la visione delle scene maini [9]. Questi drappi, che realmente coprivano i muri delle stanze del castello [10], simulano il broccato o il cuoio impresso a oro e foderato d'azzurro, e sono abbassati sulle pareti sud ed est, mentre sono aperti sulla parete nord (la Corte) e ovest (l'Incontro) [11].

Il tema general y egrave la celebración política-dinástica dell'intera famiglia Gonzaga, anche se decenni di studi non sono riusciti a chiarire univocamente un'interpretazione accettata da tutti gli studiosi [12]. Probabilmente l'ideazione del complesso programma iconografico richiese varie consulenze, tra cui sicuramente quella del marchese stesso. Numerosissimi sono i ritratti, estremamente curati nella fisionomia e, talvolta, nella psicologia. Sebbene un'identificazione certa di ognuno di essi & egrave impossibile a causa della mancanza di testimonianze, taluni sono tra le opere pi & ugrave intenso di Mantegna in questo genere.

La volta & egrave composta da un soffitto ribassato, che & egrave illusionisticamente diviso in vele e pennacchi dipinti. Alcuni finti costoloni dividono lo spazio in figure regolari, con sfondo dorato e pitture a monocromo. L'abile articolarsi degli elementi architettonici dipinti simulano una volta profonda, quasi sferica, che in realt & agrave & egrave una leggera curva di tipo & quotunghiato & quot.

Al centro si trova il famoso oculo, il brano pi & ugrave stupefacente dell'intero ciclo, dove sono portati alle estreme conseguenze gli esperimenti illusionistici della Cappella Ovetari di Padova. Si tratta di un tondo aperto illusionisticamente verso il cielo, che doveva ricordare il celebre oculo del Pantheon, il monumento antico per eccellenza celebrato dagli umanisti. Nell'oculo, scorciati secondo la prospettiva da & quotsott'in su & quot, si vede una balaustra dalla quale si sporgono una dama di corte, Accompagnata dalla serva di colore, un gruppo di domestiche, una dozzina di putti, un pavone (riferimento agli animali esotici presenti a corte, piuttosto che simbolo cristologico) e un vaso, sullo sfondo di un cielo azzurro. Per rafforzare l'impressione dell'oculo aperto, Mantegna dipinse alcuni putti pericolosamente in bilico aggrappati al lato interno della cornice, con vertiginosi scorci dei corpicini paffuti: uno & egrave anche raffigurato mentre fa pip & igrave. La variet & agrave delle pose & egrave estremamente ricca, improntata ad una totale libert & agrave di movimento dei corpi nello spazio: alcuni putti arrivano a infilare il capo negli anelli della balaustra, oppure sono visibili solo da una manina che spunta.

Se non & egrave chiara l'eventuale identificazione delle fanciulle con personaggi reali gravitanti attorno alla corte gonzaghesca (un volto muliebre & egrave acconciato come la marchesa Barbara), esse sono colte in atteggiamenti diversi (una addirittura ha in legacy uncose pettine) sembrano suggerire la preparazione di uno scherzo, un episodio tratto dalla quotidianit & agrave nel solco della lezione di Donatello. Il pesante vaso di agrumi & egrave infatti appoggiato a un bastone e le ragazze attorno, con volti sorridenti e complici, sembrano in procinto di farlo cadere nella stanza.

Nella nuvola vicino al vaso si trova nascosto un profilo umano, probabile autoritratto dell'artista abilmente mascherato [13].

L'oculo & egrave racchiuso da una ghirlanda circolare, a sua volta racchiusa in un quadrato di finti costoloni, che sono dipinti con un motivo intrecciato che ricorda le palmette dei bassorilievi all'antica. Nei punti di incontro tra si trovano medaglioni dorati. Attorno al quadrato sono disposte otto losanghe con sfondo dorato, ciascuna contenente una ghirlanda circolare che racchiude un ritratto di uno dei primi otto imperatori romani, dipinto a grisaglia, sorretto da un putto e circondato da nastri svolazzanti. Cuento rappresentazione suggella la concezione fortemente antiquaria dell'intero ambiente [14]. I cesari sono ritratti in senso antiorario con il nome entro il medaglione (dove conservato) e le loro pose sono variate per evitare uno schematismo. Sono:


Il soffitto della Camera degli Sposi

La volta, dorata e sostenuta da putti dipinti a monocromo, & egrave un omaggio agli imperatori romani (raffigurati secondo il gusto della medaglistica classica) e si apre verso il cielo Attraverso l'oculo, l'apertura illusionistica del soffitto realizzata con un'eccezionale application della prospettiva en pittura. Da una balconata si affacciano dei putti (alcuni giocano, uno di loro mostra un flauto, un altro una mela.), Delle fanciulle (una di loro si pettina, un'altra ha un nastro tra i capelli, una terza & egrave acconciata) e delle figure misteriose (un personaggio di colore e una dama pettinata come la marchesa Barbara).
Secondo alcune interpretazioni Mantegna si sarebbe ispirato a un testo retorico di Luciano di Samosata dedicato alla sala ideale secondo altre teorie le presenze femminili dell'oculo sarebbero un'esaltazione del prestigio dinastico mentre una terza ipotesi sottolinea il lela Leon con gli casa romana antica.

Il primo settore & egrave ocupato da una finestra che d & agrave sul Mincio: qui Mantegna si limit & ograve a disegnare una tenda chiusa. Nel secondo la tenda & egrave dischiusa e mostra la corte dei Gonzaga riunita, sullo sfondo di un'alta transenna decorata da medaglioni marmorei, oltre la quale un alberello sfonda nella lunetta. Il terzo settore ha la tenda chiusa, ma una serie di personaggi vi passa davanti, camminando anche davanti al pilastro, secondo un espediente che confonde il confine tra mondo reale e mondo dipinto, usato gi & agrave da Donatello.

Il settore centrale mostra il marchese Ludovico Gonzaga seduto su un trono a sinistra in veste & quotde nocte & quot, en risalto particolare grazie alla posizione leggermente defilata. Egli & egrave ritratto mentre tiene in mano una lettera e parla con un servitore dal naso adunco, probablemente il suo segretario Marsilio Andreasi o Raimondo Lupi di Soragna. La posa del marchese & egrave l'unica che rompe la staticit & agrave del gruppo, attirando inevitabilmente l'attenzione dello spettatore. Sotto il trono sta accucciato il cane preferito del marchese, Rubino, simbolo di fedelt & agrave. Dietro di lui sta poi in piedi il terzogenito Gianfrancesco, che tiene le mani sulle spalle di un bambino, forse il protonotario Ludovichino. L'uomo col cappello nero & egrave Vittorino da Feltre, precettore del marchese e dei suoi figli. Al centro troneggia seduta la moglie del marchese, Barbara di Brandeburgo, in posizione quasi frontale e con un'espressione di dignitosa sottomissione, con una bambina alle ginocchia che sembra porgerle una mela in un gesto di fanciullesca ingenuit & agrave, forse l'ultimogenita Paola. Dietro la madre sta en piedi Rodolfo, affiancato a destra da una donna, forse Barbarina Gonzaga. Gli altri personaggi sono incerti. Il primo profilo in secondo piano da sinistra & egrave stato interpreto come un possible ritratto di Leon Battista Alberti, mentre la donna dietro Barbarina & egrave forse una nutrice di casa Gonzaga o, come sostengono alcuni studiosi, Paola Malatesta, madre di Ludovico III, in abito monastico in basso sta la famosa nana di corte, che guarda direttamente lo spettatore in piedi parzialmente coperto dal pilastro sta un famiglio (cortigiano).
Il settore sucesivo mostra sette cortigiani che si avvicinano alla famiglia marchionale, in parte sulla piattaforma, in part salendo le scale Attraction un'anticamera. Gli ultimi & quotentrano & quot nella scena discostando la tenda, dietro la quale si intravede un cortile assolato con muratori all'opera [15].

Nello sguancio della finestra si trova un finto paramento marmoreo, solcato da venature tra le quali & egrave celata la data 16 giugno 1465, dipinta come un finto graffito e di solito interpreta come data di inizio dei lavori.

Non & egrave chiaro l'esatto episodio a cui si riferisce l'affresco di questa parete. Fondamentale sarebbe stata la lettura delle scritte sulla lettera tenuta dal marchese, secondo alcuni la stessa tenuta in mano dal cardinale nella parete ovest, che l'ultimo restauro ha confermato come definitivamente perdute [16]. Alcuni hanno interpretato la missiva come l'urgente convocazione di Ludovico quale comandante della truppe milanesi, da parte della duchessa di Milano Bianca Maria Visconti, a causa dell'aggravarsi delle condizioni del marito Francesco Sforza: spedita da Milano il 30 dicembre 1461 era giunta a Mantova il 1 gennaio 1462, proprio la data destinata ai festeggiamenti del neocardinale. Partito ligiamente per Milano rinunciando ai festeggiamenti, Ludovico avrebbe cos & igrave incontrato a Bozzolo il figlio Francesco, che percorreva la strada in senso opposto (scena dell'Incontro), tornando da Milano dove si era recato per ringraziare lo Sforza per il ruolo aveva gio trattative per la sua nomina a cardinale. Il pomello del faldistorio nel trono farebbe in modo di coprire proprio l'indirizzo della lettera, dettaglio che & egrave stato interpreto come una sorta di damnatio memoriae decretata dai Gonzaga verso gli Sforza, colpevoli di averito al loro prima erede di po spos lare 'altra figlia delle figlie di Ludovico. Ma molti hanno sollevato il dubbio che una vendetta cos & igrave ermetica potesse essere rappresentata in un'opera tanto rilevante ed alcuni dubitano anche se l'episodio della lettera e della partenza del marchese per Milano fosse cos & igrave sign da dover essere immortalato [17].

Camera degli Sposi (1465-1474), Ritratto di corte, particolari. Il marchese Ludovico & egrave a coloquio con il segretario Marsilio Andreasi il cane sotto la sedia & egrave un simbolo di fedelt & agrave. I due personaggi in nero sono stati identificati con l'Alberti e Vittorino da Feltre.


Il 16 giugno 1465 Mantegna dipinge a finto graffito la data di inizio dei lavori della camera degli Sposi o & laquoCamera picta & raquo, come viene citata nei documenti, una delle opere pi & ugrave celebri del Quattrocento italiano e sicuramente l'opera pi & ugrave significa un valore cheque politico. Si tratta di una sala quasi cubica coperta da una volta a vela, dove il pittore lavor & ograve fino al 1474, come testimoniato dall'illusionistica epigrafe dedicatoria in finto bronzo sostenuta da putti alati sopra una delle porte.

Ludovico Gonzaga e il suo segretario Marsilio Andreasi

Nell'Incontro sono rappresentati il ​​marchese, stavolta in vesti ufficiali, accanto al figlio Francesco cardinale. Sotto di loro stanno i figli di Federico I Gonzaga, Francesco e Sigismondo, mentre il padre si trova all'estrema destra: le pieghe generose del suo abito sono one stratagemma per nascondere la cifosi. Federico & egrave a coloquio con due personaggi, indicati da alcuni come Cristiano I di Danimarca e Federico III d'Asburgo (cognato di Ludovico II, poich & eacute marito di Dorotea di Brandeburgo, sorella di Barbara), figure che ben rappresentano il vanto della famiglia per la parentela regale. Il ragazzo al centro infine & egrave l'ultimo figlio maschio del marchese, il protonotario Ludovico, che tiene per mano il fratello cardinale e il nipote, futuro cardinale, rappresentando il ramo della famiglia destinato al cursus ecclesiastico. La escena ha una certa fissit & agrave, determinata dalla staticit & agrave dei personaggi ritratti di profilo o di tre quarti per enfatizzare l'importanza del momento.

Sullo sfondo & egrave rappresentata una veduta ideale di Roma, en cui si riconoscono il Colosseo, la piramide di Cestio, il teatro di Marcello, il ponte Nomentano, le Mura aureliane, ecc. Mantegna invent & ograve anche alcuni Monumenti di sana pianta, come una statua colossale di Ercole, in un capriccio architettonico che non ha niente di filologico, derivato probabilmente da un'elaborazione fantastica basata su modelli a stampa. La scelta della citt & agrave eterna era simbolica: rimarcava il forte legame tra la dinastia e Roma, avvalorato dalla nomina cardinalizia, e poteva anche essere una citazione beneaugurante per il cardinale quale possibile futuro papa [19]. A destra si trova anche una grotta dove alcuni cavatori sono al lavoro nello scolpire blocchi e colonne.

La parte centrale & egrave ocupata dai putti che reggono la targa dedicatoria. Vi si legge: & quotILL. LODOVICO II M.M. / PRINCIPI OPTIMO AC / FIDE INVICTISSIMO / ET ILL. BARBARAE EJUS / CONIUGI MVLIERVM GLOR. / INCOMPARABILI / SVVS ANDREAS MANTINIA / PATAVVS OPVS HOC TENVE / AD EORV DECVS ABSOLVIT / ANNO MCCCCLXXIIII & quot. Oltre alla firma & quotpubblica & quot dell'artista, che si dichiara & quotpadovano & quot, vi si legge la data 1474, generalmente indicata come quella della fine dei lavori, e parole di adulazione verso Ludovico Gonzaga (& quotillustrissimo. Principe ottimo e di fedegua suagliata & quot; (& quotincomparabile gloria delle donne & quot).

Questa scena dipinta nella Camera di elementi celebrativi e simbolici. In primo piano sono affrontate tre generazioni della dinastia & ldquopolitica & rdquo dei Gonzaga: il marchese Ludovico II (a sinistra), e i futuri marchesi, il figlio Federico (a destra) e il nipote Francesco (a sinistra). Al centro si tengono per mano i tre esponenti della dinastia & ldquoreligiosa & rdquo, il cardinale Francesco, il futuro vescovo Ludovico e il futuro cardinale Sigismondo.
Il paesaggio costellato di castelli, cave, coltivazioni rappresenta simbolicamente lo spazio esterno alla corte, cui d & agrave ordine l'attivit & agrave politica del principe.

Camera degli Sposi, Parete dell'Incontro. Putti che reggono la targa dedicatoria a Ludovico II Gonzaga e sua moglie Barbara.
Nell'iscrizione latina si legge un pregevole testo di omaggio cortigiano la cui traduzione recita: & laquoAll'illustre Ludovico secondo marchese di Mantova, principe ottimo e invincibile nella fede, e all'illustre Barbara sua consorte, incomparabile gloria delle donne, il loro Andrea Mantegna padovano comp & igrave questa tenue opera in loro onore nell'anno 1474 & raquo.

Mauro Lucco, Mantegna a Mantova, 1460-1506, Skira, Milán 2006.

Tatjana Pauli, Mantegna, serie Art Book, Leonardo Arte, Milano 2001. ISBN 978-88-8310-187-8

Alberta De Nicol y ograve Salmazo, Mantegna, Electa, Milán 1997.

Ettore Camesasca, Mantegna, en AA.VV., Pittori del Rinascimento, Scala, Firenze 2007. ISBN 88-8117-099-X

Cámara de Mantegna Degli Sposi, editado por Michele Cordaro ensayos de Maurizio Marabelli, Giovanni Rodella, Giuseppina Vigliano, Milano, Electa, 1993

Giorgio Vasari | Le vite de 'pi & ugrave eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani, da Cimabue insino a' tempi nostri | Andrea Mantegna

Arte en Toscana | Vidas de los artistas de Giorgio Vasari | Andrea Mantegna

Camera degli Sposi: mostra de Andrea Mantegna en el castillo de San Giorgio - Mantova (it) | www.cameradeglisposi.it

ESTUDIO di Claudio A. Barzaghi | www.stilearte.it
L & rsquoartista utilizz & ograve le nubi & ldquoumanizzate & rdquo come contrappunto semántico che conferiva ai dipinti un effetto straniante. Autoritratti, cavalieri vaporosi, volti inquietanti. Ecco i codici segreti che il pittore nascose tra nembi e cumuli.

L'autoritratto del pittore & egrave nascosto tra i racemi di uno dei pilastri dipinti della camera degli Sposi.

La citt & agrave sul fondo della scena dell'Incontro & egrave una trasfigurazione ideale di Mantova quale citt & agrave del principe. Gli stemmi sulle porte (tra cui anche il primitivo scudo gonzaghesco, fasciato di nero e oro, sulla postierla murata presso la torre circolare) ne definiscono l'appartenenza ai Gonzaga la citt & agrave per & ograve & egrave caratterizzata da Monumenti inequivocabil quali Angelo o la Piramide Cestia, che trasformano Mantova in una "Nova Roma".


Inhaltsverzeichnis

Die ältesten Bereiche des Palasts bestehen aus dem Palazzo del Capitano, der im frühen 14. Jahrhundert von Guido Buonacolsi errichtet wurde, dessen Familie Mantua von 1271 bis 1328 beherrschte, und der Magna Domus. Am Ende dieses Jahrhunderts kam durch Bartolino da Novara, einem der berühmtesten Militärbaumeister der Zeit, das Castello di San Giorgio hinzu.

Morir Domus Nova wurde ein Jahrhundert später von Luca Fancelli vollendet. Er ist außerdem für den Corte Nuova (Neuer Hof) verantwortlich, in dem sich die herzöglichen Räume mit den berühmten Freskenzyklen von Giulio Romano befinden.

Die Kirche santa Bárbara, Palastkapelle (Basílica Palatina) der Gonzaga, wurde von Giovan Battista Bertani entworfen. Im 16. und 17. Jahrhundert fügte der Architekt und Maler Maria Viani die Gemächer des Vincenzo I und den sogenannten Raum der Metamorphosen und morir Loggia di Eleonora hinzu.

24 de febrero de 1607 erlebte Monteverdis Oper L'Orfeo ihre Uraufführung im herzoglichen Palast. Der genaue Ort der Aufführung innerhalb des Palastkomplexes ist nicht bekannt.

Die Gonzaga bewohnten den Palast von 1328 bis 1707, als die Dynastie erlosch. Anschließend erlebten die Gebäude einen schnellen Verfall ein Prozess, der erst im 20. Jahrhundert durch Restaurierung und seine neue Zweckbestimmung como Museum umgekehrt werden konnte.

Der Eingang ist an der Piazza Sordello, an der die ältesten Gebäudeteile stehen, der Palazzo del Capitano und Magna Domus. Die monumentale Scalone delle Duchesse (Herzoginnentreppe), im 17. Jahrhundert erbaut und 1779 von Paolo Pozzo erweitert, führt in den Raum des Morone, benannt nach dem Gemälde des Veroneser Domenico Morone (1494), das die Vertreibung der Bonacolsi im Jahre 1328 darstellt (das Geschehen findet auf der Piazza Sordello statt). Im Piano nobile befindet sich die Stanza di Guastalla, mit einem Fries voll Fresken mit Porträts der Gonzaga-Familie, die ursprünglich bis in den nächsten Raum reichten, die Camera di Pisanello. Antonio Pisanello wurde nach 1433 mit Fresken beauftragt, die ein „Turnier“ zeigten und weitere, unvollendete Szenen.

Morir Galleria Nuova ist ein Korridor, der 1778 von Giuseppe Piermarini errichtet wurde, um die Guastalla-Gemächer mit denen des Herzogs zu verbinden. Er beherbergt mehrere Altäre vom frühen 16. bis ins späte 18. Jahrhundert von Francesco Borgani, Carlo Bononi, Spagnoletto und anderen. Die Galerie schließt mit der grandiosen Sala degli Arcieri (Raum der Bogenschützen), in der sich einst die Wohnung des Vincenzo befand. Berühmt ist ein Altarbild von Peter Paul Rubens (1605), ursprünglich Teil eines Triptychons der Kirche der Santissima Trinità in der Stadt, das die Gonzaga-Familie in der Verehrung der heiligen Dreifaltigkeit darstellt.

Schließlich folgt die Galleria degli Specchi (Spiegelgalerie): Als offene Loggia unter Vincenzo I. errichtet, mit klassizistischer Dekoration von 1773–1779. Das Gewölbe wurde freskiert von zwei Schülern des Guido Reni.


Camera degli Sposi , Mantua

The Camera degli Sposi ("bridal chamber"), sometimes known as the Camera picta ("painted chamber"), is a room frescoed with illusionistic paintings by Andrea Mantegna in the Ducal Palace, Mantua, Italy. During the fifteenth century when the Camera degli Sposi was painted, Mantua was ruled by the Gonzaga, who maintained Mantua's political autonomy from its much stronger neighbors Milan and Venice by bidding their support out as a mercenary state. Ludovico III Gonzaga, the commissioner of the Camera degli Sposi was the ruler of Mantua at the time. He, trained as a professional soldier, was looking to give the Gonzaga rule more cultural credibility with his commissioning of Andrea Mantegna (who was already established as a famous painter) in a humanist Renaissance political landscape in which other courts such as the Ferrara were commissioning their own “painted chambers”.

The room chosen to be painted is on the first floor of a northeastern tower in the private section of the Ducal Palace, with windows on the northern and eastern walls, overlooking Lago di Mezzo. This room would have been used for several different private and semi-private functions such as a bed chamber for Ludovico, a gathering area for family and close courtiers, and a reception room for particularly important guests. The semi-private functions of the room helped to create an air of exclusiveness to the Camera degli Sposi that was meant to impress viewer with the wealth and cultural prestige of the Gonzaga without an overt or gaudy display. Before Mantegna began painting, the room was renovated to be as close to a square as possible with the dimensions of roughly eight by eight meters wide and seven meters tall. Original architectural features of the room include the triple vaults on each wall, a fireplace on the north wall, doorways on the west and south walls, and windows on the north and east wall. Painted between 1465 and 1474, the Camera degli Sposi became well known shortly after its completion as a masterpiece in the use of both trompe-l'œil and di sotto in sù.
The effect of Mantegna's illusionistic painting that is suggestive of a classical pavilion is complete with subtle shifts in vantage points that make each fictive element of the illusion seem real to the viewer. On the northern and western walls, framed by fictive marble title on the bottom and a painted curtain rod that runs the full length of each of the walls at the top, are meeting scenes of the Gonzaga and their court in front of sweeping idealized landscapes that appear to be revealed to the viewer by curtains that are drawn or loose in the breeze. The southern and eastern walls appear to be veiled by golden brocaded curtains that mimic the ones that would have been used for the canopy of Ludovico's beds, the hooks for which are still in the ceiling above the southeastern corner of the room. Above these scenes fictive ribbing divides the ceiling onto sections containing faux stucco mandolins of the first eight Caesars of Rome carried by winged putti, and in the center, an oculus that opens on to blue sky with putti that appear as if they are far above the viewer, playing on the balustrade, along with several women looking upon the gathering below them, a few men, and a large potted plant extending into the oculus with a crossbar support.


Indice

La decorazione della stanza venne commissionata da Ludovico II Gonzaga a Mantegna, pittore di corte dal 1460. La sala aveva originariamente una duplice funzione: quella di sala delle udienze (dove il marchese trattava affari pubblici) e quella di camera da letto di rappresentanza, dove Ludovico si riuniva coi familiari. [1]

L'occasione della commissione è tutt'altro che chiarita dagli studiosi, registrando varie discordanze. L'interpretazione tradizionale lega gli affreschi all'elezione al soglio cardinalizio del figlio del marchese Ludovico, Francesco Gonzaga, avvenuta il 1º gennaio 1462: la scena della Corte rappresenterebbe quindi il marchese che ne riceve la notizia e quella dell'Incontro mostrerebbe padre e figlio che si trovano nel felice evento. La figura matura e corpulenta di Francesco tuttavia non è coerente con la sua età nel 1461, di circa 17 anni, testimoniata invece da un suo presunto ritratto conservato oggi a Napoli. Si è pensato quindi che gli affreschi celebrino la venuta di Sua Eminenza a Mantova nell'agosto 1472, quando si apprestò a ricevere il titolo di abate commendatario di Sant'Andrea. [2]

La sequenza cronologica delle pitture è stata chiarita dal restauro del 1984-1987: il pittore iniziò dalla volta con limitate campiture a secco, che riguardano soprattutto parti dell'"oculo" e della ghirlanda che lo circonda si passò poi alla parete della Corte, dove venne usata una misteriosa tempera grassa, stesa a secco procedendo per "pontate" seguirono le pareti est e sud, coperte dai tendaggi dipinti, dove venne usata la tecnica tradizionale dell'affresco infine fu dipinta la parete ovest dell'Incontro, pure trattata ad affresco e condotta a "giornate" molto piccole, che testimoniano una lentezza operativa che confermerebbe la durata quasi decennale dell'impresa, indipendentemente da altri compiti che il maestro dovette assolvere. [3]

Dopo la morte di Ludovico, la stanza e il suo ciclo subirono una serie di traversie, che spesso ne degradarono, oltre che la conservazione fisica, anche il ruolo nella storia dell'arte. Pochi anni dopo la morte del marchese la camera risulta adibita a deposito di oggetti preziosi: forse per questa ragione a Vasari non fu permesso di visitarla, escludendola dal resoconto delle Vite. Durante l'occupazione imperiale del 1630 subì numerosi danni, per poi essere praticamente abbandonata alle intemperie fino al 1875 circa. [4] La stanza iniziò ad essere chiamata "Camera degli Sposi" nel 1648 da Carlo Ridolfi. [5] In ogni caso il riferimento era dovuto alla presenza in posizione predominante di Ludovico raffigurato accanto alla moglie, non tanto perché si trattasse di una camera nuziale. In effetti il Gonzaga ha utilizzato la camera per redigere e custodire i suoi documenti commerciali e per ricevere, quasi uno studio di rappresentanza. Vi è presente in effetti un armadio per custodire i documenti ma anche il gancio che determinava la posizione del letto.

La tecnica usata, che prevedeva in alcuni episodi parti a secco più o meno ampie, non facilitava la conservazione e si hanno notizie vaghe di restauri prima del XIX secolo. Quelli successivi, fino a quello del 1941, furono numerosi ed inadeguati. [4] Finalmente nel 1987 si procedette a un restauro capillare con tecniche moderne, che ha recuperato tutto quanto sopravvissuto, restituendo l'opera agli studi e alla fruizione pubblica.

Il terremoto dell'Emilia del 2012 ha riaperto una vecchia microfenditura che corre verticale e poi obliqua nella scena della Corte ed ha staccato una porzione di intonaco dipinto. [6] [7] Sono in corso interventi tecnici (2014) per mettere in sicurezza da eventuali sismi la Camera Picta. [8] Dopo quasi un anno di lavoro il 2 aprile 2015 la Camera Picta ha riaperto i suoi tesori ai turisti, con l'inaugurazione da parte del ministro dei beni culturali, contando, già il giorno seguente, un'affluenza di 1400 turisti. [9] [10]

Giulio Carlo Argan evidenzia come la pittura mantegnesca qui, come in altre opere, si caratterizzi per la sua evocazione di immagini dell'antichità classica. Mantegna è il primo grande "classicista" della pittura: la sua arte può essere definita un "classicismo archeologico". [11]

Impaginazione generale Modifica

Nella stanza pressoché cubica (8,05 m circa di lato, con due finestre, due porte e un camino), Mantegna studiò una decorazione che investiva tutte le pareti e le volte del soffitto, adeguandosi ai limiti architettonici dell'ambiente, ma al tempo stesso sfondando illusionisticamente le pareti con la pittura, come se ci si trovasse al centro di un loggiato o di un padiglione aperto verso l'esterno. [12]

Motivo di raccordo tra le scene sulle pareti è il finto zoccolo marmoreo che gira tutt'intorno nella fascia inferiore, sul quale poggiano i pilastri che suddividono le scene in tre aperture. La volta è affrescata suggerendo una forma sferoidale e presenta centralmente un oculo, da cui si sporgono personaggi e animali stagliati sul cielo azzurro. Attorno all'oculo alcuni costoloni dipinti dividono lo spazio in losanghe e pennacchi. I costoloni vanno a terminare in finti capitelli, a loro volta poggianti sui reali peducci delle volte, gli unici elementi a rilievo di tutta la decorazione, assieme alle cornici delle porte e al camino. Ciascun peduccio (esclusi solo quelli in angolo) appoggia in corrispondenza di uno dei pilastri dipinti. [4]

Il registro superiore delle pareti è occupato da dodici lunette, decorate da festoni e imprese dei Gonzaga. Alla base delle lunette, tra peduccio e peduccio, corrono figuratamente le aste che fanno da cursore ai tendaggi, che sono raffigurati come scostati per permettere la visione delle scene principali. [1] Questi drappi, che realmente coprivano i muri delle stanze del castello, [13] simulano il broccato o il cuoio impresso a oro e foderato d'azzurro, e sono abbassati sulle pareti sud ed est, mentre sono aperti sulla parete nord (la Corte) e ovest (l'Incontro). [4]

Il tema generale è la celebrazione politico-dinastico dell'intera famiglia Gonzaga, anche se decenni di studi non sono riusciti a chiarire univocamente un'interpretazione accettata da tutti gli studiosi. [4] Probabilmente l'ideazione del complesso programma iconografico richiese varie consulenze, tra cui sicuramente quella del marchese stesso. Numerosissimi sono i ritratti, estremamente curati nella fisionomia e, talvolta, nella psicologia. Sebbene un'identificazione certa di ognuno di essi è impossibile a causa della mancanza di testimonianze, taluni sono tra le opere più intense di Mantegna in questo genere.

La volta Modifica

La volta è composta da un soffitto ribassato, che è illusionisticamente diviso in vele e pennacchi dipinti. Alcuni finti costoloni dividono lo spazio in figure regolari, con sfondo dorato e pitture a monocromo che simulano sculture e clipei in stucco. L'abile articolarsi degli elementi architettonici dipinti simula una volta profonda, quasi sferica, che in realtà è una leggera curva di tipo "unghiato".

Al centro si trova il famoso oculo, il brano più stupefacente dell'intero ciclo, dove sono portati alle estreme conseguenze gli esperimenti illusionistici della Cappella Ovetari di Padova. Si tratta di un tondo aperto illusionisticamente verso il cielo, che doveva ricordare il celebre oculo del Pantheon, il monumento antico per eccellenza celebrato dagli umanisti. Nell'oculo, scorciati secondo la prospettiva da "sott'in su", si vede una balaustra dalla quale si sporgono una dama di corte, accompagnata dalla serva di colore, un gruppo di domestiche, una dozzina di putti, un pavone (riferimento agli animali esotici presenti a corte, piuttosto che simbolo cristologico) e un vaso, sullo sfondo di un cielo azzurro. Per rafforzare l'impressione dell'oculo aperto, Mantegna dipinse alcuni putti pericolosamente in bilico aggrappati al lato interno della cornice, con vertiginosi scorci dei corpicini paffuti. La varietà delle pose è estremamente ricca, improntata ad una totale libertà di movimento dei corpi nello spazio: alcuni putti arrivano a infilare il capo negli anelli della balaustra, oppure sono visibili solo da una manina che spunta.

Se non è chiara l'eventuale identificazione delle fanciulle con personaggi reali gravitanti attorno alla corte gonzaghesca (un volto muliebre è acconciato come la marchesa Barbara), esse sono colte in atteggiamenti diversi (una addirittura ha in mano un pettine) e le loro espressioni giocose sembrano suggerire la preparazione di uno scherzo [14] , un episodio tratto dalla quotidianità nel solco della lezione di Donatello. Il pesante vaso di agrumi è infatti appoggiato a un bastone e le ragazze attorno, con volti sorridenti e complici, sembrano in procinto di farlo cadere nella stanza.

Nella nuvola vicino al vaso si trova nascosto un profilo umano, probabile autoritratto dell'artista abilmente mascherato. [15]

L'oculo è racchiuso da una ghirlanda circolare, a sua volta racchiusa in un quadrato di finti costoloni, che sono dipinti con un motivo intrecciato che ricorda le palmette dei bassorilievi all'antica. Nei punti di incontro si trovano medaglioni dorati. Attorno al quadrato sono disposte otto losanghe con sfondo dorato, ciascuna contenente una ghirlanda circolare che racchiude un ritratto di uno dei primi otto imperatori romani, dipinto a grisaglia, sorretto da un putto e circondato da nastri svolazzanti. Tale rappresentazione suggella la concezione fortemente antiquaria dell'intero ambiente. [16] I cesari sono ritratti in senso antiorario con il nome entro il medaglione (dove conservato) e le loro pose sono variate per evitare uno schematismo. Sono:

Attorno alle losanghe, nel registro più esterno, sono collocati (in senso orario) dodici pennacchi corrispondenti a ciascuna lunetta sulle pareti. Essi sono decorati con finti bassorilievi di ispirazione mitologica, che celebrano simbolicamente le virtù del marchese quale condottiero e uomo di stato, quali il coraggio (mito di Orfeo), l'intelligenza (mito di Arione di Metimna), la forza (mito delle dodici fatiche di Ercole). Sono:

  1. Orfeo incanta le forze della natura
  2. Orfeo incanta Cerbero e una Furia
  3. Morte di Orfeo (Orfeo straziato dalle Baccanti)
  4. Arione che incanta il delfino
  5. Arione portato in salvo dal delfino
  6. Periandro che condanna i cattivi marinai
  7. Ercole scocca una freccia verso il centauroNesso
  8. Nesso e Deianira
  9. Ercole che lotta con il leone Nemeo
  10. Ercole che uccide l'Idra
  11. Ercole e Anteo
  12. Ercole che uccide Cerbero

I costoloni vanno a terminare in finti capitelli con decorazioni vegetali, sui quali sono impostate le basi dei putti reggi-medaglione. Questi capitelli poggiano sui peducci reali.

Parete della Corte Modifica

La scena della corte ha un'impaginazione particolarmente originale, per adattarsi alla forma della stanza. La presenza del camino infatti, che invade a metà la parte inferiore destinata agli affreschi narrativi, rendeva molto difficile ambientare la scena senza interruzioni, ma Mantegna risolse il problema usando l'espediente di collocare la scena su una piattaforma rialzata a cui si accede da alcuni gradini che scendono nel lato destro. Da questa piattaforma, il cui pavimento coincide con il ripiano sopra il camino, pendono preziosi tappeti che arricchiscono la sontuosità della scena.

Il primo settore è occupato da una finestra che dà sul Mincio: qui Mantegna si limitò a disegnare una tenda chiusa. Nel secondo la tenda è dischiusa e mostra la corte dei Gonzaga riunita, sullo sfondo di un'alta transenna decorata da medaglioni marmorei, oltre la quale un alberello sfonda nella lunetta. Il terzo settore ha la tenda chiusa, ma una serie di personaggi vi passa davanti, camminando anche davanti al pilastro, secondo un espediente che confonde il confine tra mondo reale e mondo dipinto, usato già da Donatello.

I personaggi Modifica

Il settore centrale mostra il marchese Ludovico II Gonzaga seduto su un trono a sinistra in veste "de nocte", in risalto particolare grazie alla posizione leggermente defilata. Egli è ritratto mentre tiene in mano una lettera e parla con un servitore dal naso adunco, probabilmente il suo segretario Marsilio Andreasi o Raimondo Lupi di Soragna [17] [18] oppure potrebbe trattarsi del fratello del marchese Ludovico II, Alessandro [19] [20] . La posa del marchese è l'unica che rompe la staticità del gruppo, attirando inevitabilmente l'attenzione dello spettatore. Sotto il trono sta accucciato il cane preferito del marchese, Rubino, simbolo di fedeltà. Dietro di lui sta poi in piedi il terzogenito Gianfrancesco, che tiene le mani sulle spalle di un bambino, forse il protonotario Ludovichino. L'uomo col cappello nero è Vittorino da Feltre, precettore del marchese e dei suoi figli. Al centro troneggia seduta la moglie del marchese, Barbara di Brandeburgo, in posizione quasi frontale e con un'espressione di dignitosa sottomissione, con una bambina alle ginocchia che sembra porgerle una mela in un gesto di fanciullesca ingenuità, forse l'ultimogenita Paola. Dietro la madre sta in piedi Rodolfo, affiancato a destra da una donna, forse Barbarina Gonzaga. Gli altri personaggi sono incerti. Il primo profilo in secondo piano da sinistra è stato interpretato come un possibile ritratto di Leon Battista Alberti, mentre la donna dietro Barbarina è forse una nutrice di casa Gonzaga o, come sostengono alcuni studiosi, Paola Malatesta, madre di Ludovico II, in abito monastico in basso sta la famosa nana di corte Lucia affetta da neurofibromatosi, che guarda direttamente lo spettatore in piedi parzialmente coperto dal pilastro sta un famiglio (cortigiano).

Il settore successivo mostra sette cortigiani che si avvicinano alla famiglia marchionale, in parte sulla piattaforma, in parte salendo le scale attraverso un'anticamera. Gli ultimi "entrano" nella scena discostando la tenda, dietro la quale si intravede un cortile assolato con muratori all'opera. [12]

Nello sguancio della finestra si trova un finto paramento marmoreo, solcato da venature tra le quali è celata la data 16 giugno 1465, dipinta come un finto graffito e di solito interpretata come data di inizio dei lavori.

Non è chiaro l'esatto episodio a cui si riferisce l'affresco di questa parete. Fondamentale sarebbe stata la lettura delle scritte sulla lettera tenuta dal marchese, secondo alcuni la stessa tenuta in mano dal cardinale nella parete ovest, che l'ultimo restauro ha confermato come definitivamente perdute. [2] Alcuni hanno interpretato la missiva come l'urgente convocazione di Ludovico quale comandante della truppe milanesi, da parte della duchessa di Milano Bianca Maria Visconti, a causa dell'aggravarsi delle condizioni del marito Francesco Sforza: spedita da Milano il 30 dicembre 1461 era giunta a Mantova il 1º gennaio 1462, proprio la data destinata ai festeggiamenti del neocardinale. Partito ligiamente per Milano rinunciando ai festeggiamenti, Ludovico avrebbe così incontrato a Bozzolo il figlio Francesco, che percorreva la strada in senso opposto (scena dell'Incontro), tornando da Milano dove si era recato per ringraziare lo Sforza per il ruolo che aveva giocato nelle trattative per la sua nomina a cardinale. Il pomello del faldistorio nel trono farebbe in modo di coprire proprio l'indirizzo della lettera, dettaglio che è stato interpretato come una sorta di damnatio memoriae decretata dai Gonzaga verso gli Sforza, colpevoli di aver impedito al loro erede di sposare prima una (Susanna) e poi l'altra figlia (Dorotea) delle figlie di Ludovico. Ma molti hanno sollevato il dubbio che una vendetta così ermetica potesse essere rappresentata in un'opera tanto rilevante ed alcuni dubitano anche se l'episodio della lettera e della partenza del marchese per Milano fosse così significativo da dover essere immortalato. [2]

Di recente, uno studio di Giovanni Pasetti e Gianna Pinotti ha creduto di identificare nelle figure di cortigiani dipinte sulla parete nord gran parte della famiglia Sforza, tra cui un giovane Ludovico il Moro. [21]

L'ultimo personaggio rappresentato sulla destra, in abito blu, potrebbe essere Caterina Gonzaga, figlia naturale del marchese Ludovico, cieca da un occhio, andata in sposa nel 1451 al condottiero Francesco Secco. [20]

Parete dell'Incontro Modifica

La parete ovest, detta "dell'Incontro", è analogamente divisa in tre settori. In quello di destra avviene l'"incontro" vero e proprio, in quello centrale alcuni putti reggono una targa dedicatoria e in quello di sinistra sfila la corte del marchese, che prosegue con due personaggi anche nel settore centrale: questi ultimi sono rappresentati nell'angusto spazio tra il pilastro e la reale mensola dell'architrave della porta, dimostrando la difficile compenetrazione attuata efficacemente tra mondo reale e mondo dipinto. Nel pilastro tra l'incontro e i putti si trova nascosto tra le grisaille un autoritratto di Mantegna come mascherone. [2]

I personaggi Modifica

Nell'Incontro sono rappresentati il marchese Ludovico, stavolta in vesti ufficiali, affiancato forse da Ugolotto Gonzaga, figlio del fratello defunto Carlo [22] . Gli è di fronte il figlio Francesco cardinale. Sotto di loro stanno i figli di Federico I Gonzaga, Francesco e Sigismondo, mentre il padre Federico si trova all'estrema destra: le pieghe generose del suo abito sono uno stratagemma per nascondere la cifosi. Federico è a colloquio con due personaggi, uno di fronte e l'altro in secondo piano, indicati da alcuni come Cristiano I di Danimarca (di fronte cognato di Ludovico II, poiché marito di Dorotea di Brandeburgo, sorella di Barbara) [23] e Federico III d'Asburgo, figure che ben rappresentano il vanto della famiglia per la parentela regale. Il ragazzo al centro infine è l'ultimo figlio maschio del marchese, il protonotario Ludovico, che tiene per mano il fratello cardinale e il nipote, futuro cardinale, rappresentando il ramo della famiglia destinato al cursus ecclesiastico. La scena ha una certa fissità, determinata dalla staticità dei personaggi ritratti di profilo o di tre quarti per enfatizzare l'importanza del momento.

Sullo sfondo è rappresentata una veduta ideale di Roma, in cui si riconoscono il Colosseo, Castel Sant'Angelo, la piramide di Cestio, il teatro di Marcello, il ponte Nomentano, le Mura aureliane, ecc. Mantegna inventò anche alcuni monumenti di sana pianta, come una statua colossale di Ercole, in un capriccio architettonico che non ha niente di filologico, derivato probabilmente da un'elaborazione fantastica basata su modelli a stampa. La scelta della città eterna era simbolica: rimarcava il forte legame tra la dinastia e Roma, avvalorato dalla nomina cardinalizia, e poteva anche essere una citazione beneaugurante per il cardinale quale possibile futuro papa. [2] A destra si trova anche una grotta dove alcuni cavatori sono al lavoro nello scolpire blocchi e colonne.

La parte centrale Modifica

La parte centrale è occupata dai putti che reggono la targa dedicatoria. Vi si legge: "ILL. LODOVICO II M.M. / PRINCIPI OPTIMO AC / FIDE INVICTISSIMO / ET ILL. BARBARAE EJUS / CONIUGI MVLIERVM GLOR. / INCOMPARABILI / SVVS ANDREAS MANTINIA / PATAVVS OPVS HOC TENVE / AD EORV DECVS ABSOLVIT / ANNO MCCCCLXXIIII". Oltre alla firma "pubblica" dell'artista, che si dichiara "padovano", vi si legge la data 1474, generalmente indicata come quella della fine dei lavori, e parole di adulazione verso Ludovico Gonzaga ("illustrissimo. principe ottimo e di fede ineguagliata") e a sua moglie Barbara ("incomparabile gloria delle donne").

Nell'ultimo restauro è stata riscoperta nello scomparto sinistro una carovana dei Magi, stesa a secco e già coperta di sudiciume, forse aggiunta per indicare la stagione invernale dell'Incontro, nonostante la rigogliosa vegetazione, che però comprende anche alcuni aranci, che fioriscono a fine anno. [2] Nello scomparto sinistro manca una lunga fascia di lato, che era stata coperta da una ridipintura settecentesca: i restauri hanno confermato la completa perdita delle pitture, dove si nascondeva una figura della quale si vede ancora oggi una mano.

Pareti minori Modifica

Le pareti sud ed est sono coperte da tendaggi, oltre i quali spuntano le lunette. In quella sud si aprono una porta e un armadio a muro. Sopra l'architrave della porta è dipinto un grande stemma gonzaga, piuttosto malridotto, e le lunette sono quasi illeggibili. Quella est è meglio conservata e presenta tre belle lunette con festoni e imprese araldiche.


Nature in Mantua

After leaving Palazzo Ducale, the exploration of Mantua by bike continues around the lakes, with a 14 km cycle path following the shores.

The three artificial lakes of Mantua are not only a beautiful ecosystem, they are an engineering wonder, created nearly 1000 years ago. The section of the river Mincio that ran through Mantua used to be particularly slow-flowing, creating insalubrious marshy lands. With a system of dams and canals, Mantua became encircled by four lakes, and was turned into an island.

Three lakes still exist. Lago Superiore, the largest of the three, where lotus flowers bloom in summer, Lago di Mezzo, the smallest and deepest, and Lago Inferiore, further away from town. The fourth lake was drained in the 18th century to allow the extension of the city. If you cross the Legnano Bridge, cycling away from the towers and cupolas of Palazzo Ducale, you’ll see the city skyline as a visitor may have seen it at the time of the Gonzaga.

Last time we visited in summer, there wasn’t a single person about. Swans floated in the still lake waters and snakes sunned themselves on the flat stones near the lake shore. In mid September, there was definitely less wildlife, but a lot more Mantua residents, riding bicycles, rowing or running along the shore.

And did I tell you? The sunsets over Mantua’s lakes are wonderful.

My tour to Mantua and Cremona was possible thanks to the Blogville campaign, managed by iambassador in partnership with Lombardy Tourism and Emilia Romagna Tourism, that we would like to thank for their kind hopsitality. All thoughts and opinions are our own.


Ver el vídeo: La camera degli sposi - palazzo ducale